Bonus Fiscale per le ristrutturazioni ed acquisto mobili (D.l. 63 del 04 Giugno 2013).

AGGIORNAMENTO GENNAIO 2016 
Attraverso una modifica degli articoli 14 e 16, D.L. n. 63/2013, il disegno di legge di Stabilità per il 2014, dispone una proroga dell’incentivo sui mobili fino al 31/12/2016. 
Il Decreto legge 63 del 4 giugno 2013, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 6/6/2013, prevede, all’art.16, la possibilità di detrarre fiscalmente l’acquisto di mobili, secondo determinati criteri e purché connessi a interventi di ristrutturazione edilizia. Nell’importo delle spese sostenute per l’acquisto di mobili possono essere considerate anche le spese di trasporto e di montaggio dei beni acquistati, purché le spese stesse siano state sostenute con le modalità di pagamento richieste per fruire della detrazione (bonifico, carte di credito o di debito). 

Il contribuente, per avvalersi del beneficio fiscale, deve eseguire i pagamenti mediante bonifici bancari o postali, indicando:

  • il codice fiscale del beneficiario della detrazione 

    I documenti da conservare sono:

    • l’attestazione del pagamento (ricevuta del bonifico, ricevuta di avvenuta transazione, per i pagamenti con carta di credito o di debito, documentazione di addebito sul conto corrente)
    • le fatture di acquisto dei beni, riportanti la natura, la qualità e la quantità dei beni e dei servizi acquisiti.

      Novità - Bonus mobili giovani coppie

    • Le giovani coppie possono beneficiare di una detrazione Irpef del 50 per cento delle spese documentate sostenute, dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2016, per l'acquisto di mobili ad arredo della stessa unita' abitativa. La detrazione è calcolata su un ammontare complessivo non superiore a 16.000 euro e non è cumulabile con l'ordinario bonus arredi (comma 75, articolo della legge 208/2015).